Arduino/Genuino Day 2016

Genuino_unoCome è ormai tradizione da qualche anno, il 2 Aprile si svolgerà l’Arduino day, un evento internazionale in cui si danno appuntamento gli appassionati di questa piattaforma di sviluppo hardware tra le più diffuse.

Questa volta ci sarà anche una piccola novità: infatti, come forse molti di voi sanno, nel 2015 abbiamo assistito alla frattura del team originale che ha creato e portato Arduino al successo che tutti conosciamo; per questo motivo, l’evento si chiamera “Genuino day”, nome che è stato scelto per rappresentare il progetto fino a quando (speriamo presto!) la questione legale non si risolverà.

Il Tinker Garage, in collaborazione con l’ABA FabLab ha deciso di dedicarsi alla realizzazione dell’evento di Perugia, pensando ad una giornata che permetta di far conoscere meglio Arduino, far incontrare gli appassionati ed essere ispirati dalle loro realizzazioni.

Qualcosa è già stato definito, mentre altre cose sono in preparazione, ma possiamo già invitare chiunque voglia aiutare e/o proporre idee a contattarci (per esempio commentando questo post).

In particolare, dovremmo avere uno spazio dove mostrare le vostre realizzazioni, per cui se avete già lavorato ad un progetto con Arduino (piccolo o grande che sia) fatecelo sapere e potreste essere fra i protagonisti di questa giornata fra amici!

Robottino Arduino

Il nostro robottino è stato protagonista di un evento divulgativo in due giornate, dedicato a ragazzi della scuola media (10-13 anni) interessati ad imparare ad usare Arduino.

Foto di gruppo
Il gruppo dei partecipanti (quasi) al completo

Infatti, grazie ad ad On, che si è occupata di tutta la parte organizzativa e della comunicazione, un bel gruppo formato da 15 ragazzi ha potuto vedere cosa è un microcontrollore, sperimentare come creare dei circuiti e programmare il microcontrollore affinchè interagisca con l’ambiente.

Le lezioni sono state piuttosto intense per riuscire a condensare nel tempo previsto le nozioni necessarie, ma i ragazzi sono stati stupendi, sempre attenti e ricettivi, per cui il tempo è letteralmente volato.

Luca spiega i sensori a disposizione
Luca spiega i sensori a disposizione

Per noi del Tinker Garage, questa è stata certamente una bellissima esperienza che ci ha consentito di confrontarci con ragazzi curiosi e interessati; per le prossime occasioni, faremo di certo tesoro delle impressioni e dei commenti ricevuti, in modo da ottimizzare il materiale didattico e renderlo ancora più efficace, consentendo  ai ragazzi di lavorare in autonomia fin dalle preme battute.

ArduinoRagazzi012016
I ragazzi al lavoro

E a tal proposito, stiamo progettando di ripetere il corso nel prossimo futuro, per cui se qualcuno non ha trovato posto la prima volta non disperi: ci sarà di certo un’altra occasione!

Poi per qualunque dubbio, basta scrivere ai ragazzi del Tinker Garage 🙂

 

Robot ad ostacoli

Il nostro robottino sarà presto protagonista di un evento divulgativo (restate sintonizzati per i dettagli) per cui abbiamo iniziato a dargli qualche “superpotere”.

IMG_20160105_193258

Come prima cosa, abbiamo fissato tutti i componenti in modo che non possano distaccarsi durante l’utilizzo.

Poi, abbiamo aggiunto un sensore ad ultrasuoni in testa con un fissaggio stabile ma facilmente rimovibile.

Infine abbiamo scritto il codice per fargli evitare gli ostacoli.

Il tutto in una sola serata, quindi c’è ancora molto da fare: ad esempio gli ostacoli dovrebbe percepirli anche in base alla velocità a cui procede.

Questo il test sul campo:

Primo test del robottino

Nell’ultima serata Tinker abbiamo avviato gli esperimenti per far funzionare il nostro semplice robottino/rover.

wpid-img_20151116_165912.jpg

Per prima  cosa, abbiamo provato ad azionare i motori utilizzando la demo disponibile con la libreria dello shield e questo ha funzionato perfettamente; purtroppo i motori non hanno nessun tipo di sincronizzazione e quindi uno dei due prevale, come documentato in questo piccolo video:

Cercando in rete, abbiamo visto che uno dei metodi per risolvere il problema prevede l’utilizzo di un Rotary Encoder, che pensiamo di costruire artigianalmente; questo, combinato con un po’ di codice di controllo da scrivere, dovrebbe essere sufficiente.

Se siete curiosi di capire come funziona un Rotary Encoder, provate a partire da qua:
http://machinedesign.com/sensors/basics-rotary-encoders-overview-and-new-technologies-0

Ovviamente, se avete qualche altro metodo da proporre, fatecelo sapere nei commenti.

Serata Tinker ottobre

Ieri sera abbiamo valutato altre soluzioni per l’automazione della lampada scartando quelle precedenti che bloccavano la meccanica.

Le strade sono due. Senza toccare la struttura si dovrebbe riuscire posizionando il servo al centro tra le viti di snodo. In alternativa dobbiamo disegnare e stampare degli snodi nuovi.

Mentre questo richiederà un pò di tempo ci siamo dati appuntamento a novembre per riprendere in mano il Photon e se sarà arrivato il robottino che abbiamo deciso di ordinare.

Keep tinkering

Serata Tinker agosto

Ieri eravamo tanti ed abbiamo approfittato per raccogliere idee e proposte di tutti.

Tra le aspirazioni più condivise sono emersi il robottino autoeqauilibrante e l’automazione di una lampada ( l’idea originale era di ispirarci a quella della Pixar.. 🙂 )

Era presente anche un giovanissimo aspirante Tinker che ha fatto i primi passi nella conoscenza della breadboard.

 

Serata Tinker luglio

Sono arrivati i Photon della Particle.

Prima configurazione e test di funzionamento fatti con successo. Sembrano fare quello che dicono anche se abbiamo avuto un pò di problemi a reperire i dati tecnici. La documentazione sul sito è un pò scarna (almeno al momento)

La comunicazinoe comunque si è rivelata essere molto veloce, almeno con i pochi dati raccolti dal sensore di umidità immerso nel bicchiere d’acqua 🙂

 

GDG Perugia – Playing with Twitter API using Python and Tornado

Intervento al Dipartimento di Matematica ed Informatica, per un workshop live su come interagire con le API di Twitter utilizzando Python e Tornado per il recupero dei dati ed il loro streaming via WebSocket, e plain Javascript per la loro rappresentazione su Canvas.